Prodotti in 3D

La stampa 3D si realizza a partire dal disegno di un oggetto, costruito con appositi software, in uno spazio tridimensionale. Il disegno è a tutti gli effetti un oggetto “ a tutto tondo”, creato in un ambiente virtuale.

LEGGI DI PIU'

Prodotti in 3D - l'ispirazione

Da anni questa tecnologia si utilizza nei settori più svariati affiancando i classici sistemi produttivi, dalla prototipazione industriale, alla produzione effettiva, alla medicina o anche per la produzione di veri e propri alimenti. Le materie prime per la stampa 3D sono disponibili sotto forma di filamenti, polveri, granuli, liquidi e la loro composizione varia in funzione di quelle che dovranno essere le caratteristiche dell'oggetto finito: prototipo estetico, prototipo funzionale, oggetto definitivo e di pronto utilizzo, stampo e vari altri.

Come nasce un oggetto stampato in 3D

Not handmade but headmade. Analogamente alle tradizionali stampe bidimensionali su carta, a cui siamo abituati da anni, la stampa 3D si realizza a partire dal disegno di un oggetto, costruito con appositi software, in uno spazio tridimensionale. Il disegno è a tutti gli effetti un oggetto pensato “a tutto tondo”, creato in un ambiente virtuale.La stampa avviene in vari modi, in relazione al tipo di tecnologia impiegata, ma la cosa che accomuna tutte le tecnologie di stampa 3D, è la possibilità di rendere reale un oggetto virtuale. I materiali che danno vita ai prodotti stampatisi solidificano in vari modi: microfusione laser selettiva (DMLS), modellazione a deposizione fusa (FDM), sinterizzazione laser selettiva (SLS), stereolitografia (SLA), o ancora per fusione mediante fascio di elettroni (EBM). Le plastiche e i metalli, in tutte le loro declinazioni, sono le materie prime impiegate per fabbricare gran parte degli oggetti stampati in 3D.